Una torta, o quasi

Difficoltà: Facile

Preparazione: 70 min

Porzioni: 4 persone

Ingredienti:

  • 250 g di farina
  • 3 cucchiai di pesto
  • 1 tazzina di olio di oliva
  • 1 bicchiere di acqua ben fredda
  • 1 cucchiaino di bicarbonato
  • mezzo cucchiaino di sale
  • 8 peperoni assortiti (gialli e rossi)
  • basilico fresco
  • 1 cipollotto
  • 4 fette sottili di formaggio fondente
  • una manciata di anacardi
  • olio EVO, sale e pepe
  • una manciata di feta

Procedimento:

Tempo di preparazione 25 minuti. Tempo di riposo 20 minuti. Tempo di cottura 25 minuti.

Preparate la fontana con la farina, il sale ed il bicarbonato. Versate al centro il pesto, l’acqua fredda e olio poco alla volta, mescolando fino ad ottenere un panetto ben liscio. Fate riposare per 20 minuti, coperto a temperatura ambiente.

Nel frattempo, tagliate e listarelle i peperoni che avete lavato e pulito. Cuoceteli in padella con giro di olio EVO, delle foglie di basilico fresco, gli anacardi ed il cipollotto a fettine.

Dividete l’impasto in 4 palline e stendetele con il mattarello. Ungete le 4 pizzette e posizionate sulla base una fetta di formaggio e i peperoni. Preparate le tortine richiudendo il bordo sul ripieno.

Infornate a forno ben caldo e cuocete a 180°C per circa 20 minuti. Fate intiepidire e servite guarnendo con delle foglie di basilico e della feta sbriciolata.

Rosso, di felicità

Difficoltà: Facile

Preparazione: 75 min

Porzioni: 4 persone

Ingredienti:

  • 4 peperoni (3 rossi e 1 giallo)
  • 6 cucchiai di olio
  • 2 cucchiai di aceto di vino di mele
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 1 spicchio d’aglio
  • Sale
  • Pepe
  • 1 Peperoncino

Procedimento:

Riscaldate il forno a 220°, lavate e asciugate i peperoni. Cuoceteli in forno caldo, interi, per 45 minuti. Eliminate la pelle dei peperoni una volta raffreddati e togliete torsolo e semi. Frullate per ottenere una crema.

In una padella antiaderente scaldate l’olio con l’aglio; una volta imbiondito eliminatelo. Aggiungete la crema di peperoni, lo zucchero, l’aceto ed il peperoncino. Aggiustate di sale e pepe e proseguite la cottura per altri 25 minuti, unendo dell’acqua calda se dovesse servire. Se non utilizzate subito la salsa potete versarla ancora calda nei vasetti di vetro che avrete prima sterilizzato oppure congelarla una volta raffreddata.

Potete utilizzare il pesto di peperoni in abbinamento a del polpo bollito e poi saltato in padella con olio, paprika affumicata e del timo. Sarà un ottimo aperitivo con del pane carasau tostato nella padella di cottura del polpo.

Pollo in gelatina di peperoni di Carmagnola

Difficoltà: Facile

Preparazione: 45 min

Porzioni: 3 persone

Ingredienti:

  • 400 g di peperoni di Carmagnola quadrati (rossi)
  • 7 g di agar agar
  • 200 g di petto di pollo
  • 20 ml di vino bianco
  • 1 cucchiaino di aceto di vino bianco
  • 1 spicchio di aglio
  • olio extra vergine di oliva q.b.
  • basilico q.b.
  • sale q.b.

Procedimento:

Per preparare il pollo in gelatina di peperoni di Carmagnola iniziate dalla gelatina.
Prendete i peperoni, lavateli, asciugateli e metteteli interi su una leccarda ricoperta di carta forno.
Fateli cuocere nel forno a 220° per una ventina di minuti.
Trascorso il tempo di cottura, quando la pelle risulterà leggermente raggrinzita e bruciata metteteli in un sacchetto per alimenti.
Sigillate il sacchetto e fate raffreddare i peperoni.
Una volta raffreddati, privateli della pelle, del picciolo, dei semi e dei filamento interni.
Tagliate i peperoni a filetti, prendetene 200 grammi (tenete gli altri da parte), sminuzzateli, metteteli in un bicchiere alto, salate, aggiungete il cucchino di aceto e tre cucchiai rasi di olio extravergine di oliva.
Frullateli con un minipimer poi passate la crema di peperoni al setaccio.
Raccogliete la purea di peperoni in un pentolino dal fondo spesso e lasciate raffreddare quindi unite 6/7 grammi di agar agar.
Mettete sul fuoco e mescolate continuamente mentre fate cuocere la crema di peperoni per un minuto, un minuto e mezzo.
Spegnete la fiamma, prendete una placca bassa antiaderente e distribuitevi il composto in modo uniforme a uno spessore di un centimetro.
Lasciate raffreddare a temperatura ambiente poi mette in frigorifero per almeno un’ora.
Nel frattempo preparate il petto di pollo: private la carne di filamenti e degli eventuali residui di cartilagine poi tagliatelo a strisce lunghe e sottili.
Tagliate la carne a straccetti e il restante peperone in falde e poi a filetti.
Versate in una padella due cucchiai di olio e fateci rosolare lo spicchio di aglio.
Inserite quindi i filetti di peperoni e fate insaporire.
Unite anche il pollo, salate e fate cuocere qualche minuto con il coperchio poi scoperchiate e sfumate con il vino.
Quando il vino sarà evaporato spegnete e aggiungete qualche foglia di basilico fresco spezzettata e lasciate riposare.
Sminuzzate al coltello la carne o riducetela in pezzetti piccoli.
Riprendete la gelatina dal frigorifero e coppatela con un coppapasta di 5 centimetri di diametro ricavando 6 dischi.
Deponete un cerchio di gelatina sul un piatto piano, con l’aiuto del coppapasta inserire il pollo ai peperoni tagliato in piccoli pezzi.
Ricoprite con un secondo disco di gelatina.
Decorate mettendo nel centro del secondo disco una cucchiaiata di pollo con peperoni, qualche pezzetto di gelatina di peperoni avanzata e foglie di basilico.
Conservare in frigo coperti fino al momento di consumare.
Servite a temperatura ambiente.

Pollo e Peperoni (unconventional recipe)

Difficoltà: Facile

Preparazione: 75 min

Porzioni: 4 persone

Ingredienti:

• 1 pollo a pezzi (da 1 kg circa)
• 2 peperoni rossi
• 2 peperoni gialli
• 2 spicchi di aglio
• olio extra vergine di oliva
• 1/2 bicchiere di vino bianco
• 3-4 pomodori maturi
• sale
• origano
• 4 friselle integrali

 

Procedimento:

Per preparare il pollo con i peperoni, lavare velocemente i pezzi di pollo sotto l’acqua fredda e, se necessario, passarlo sulla fiamma in modo da bruciacchiare eventuale peluria, e rendere la pelle commestibile.
In una padella alta e antiaderente, porre l’aglio schiacciato insieme all’olio e lasciarlo colorare; quindi aggiungere il pollo.
Lasciar rosolare la carne su fiamma allegra fino a completa doratura, dopo di che sfumare con il vino bianco e farlo evaporare.
Nel frattempo, mondare i peperoni, eliminare i semi e i filamenti bianchi, e tagliarli in falde larghe. Lavare e tagliare anche i pomodori in pezzi.
Quando il vino sarà evaporato, aggiungete i pomodori al pollo, lasciar insaporire e unire anche i peperoni.
Aggiustare di sale, coprire e proseguite la cottura per circa 45 minuti a fuoco medio, girando di tanto in tanto.
Terminata la cottura del pollo, togliere la carne dal resto della pietanza, e adagiarla su un piatto. Lasciarla raffreddare.
Quando la carne si sarà raffreddata, eliminare la pelle e dissossarla, tagliarla a striscioline e riporla nel bicchiere del robot da cucina o del frullatore.
Unire alla carne parte del liquido di cottura e azionare la macchina per frullare il tutto fino ad ottenere una crema mordida e liscia.
Scaldare il sugo di cottura del pollo e peperoni, e con esso bagnare le friselle integrali.
Adagiare ogni frisella bagnata nel piatto da portata e ricoprire con la crema di pollo frullata.
Distribuire sopra a completare e decorare i peperoni cotti con il pollo, arrotolati su se stessi.
Servire con una spolverata di origano e servire subito.

Peperoni Tomaticot di Carmagnola, Lampredotto e pesto di Salicornia

Difficoltà: Facile

Preparazione: 45min

Porzioni: 4 persone

II Peperoni Tomaticot di Carmagnola è rotondo e schiacciato ai poli, giallo o rosso, con la polpa tenera, molto spessa e dal sapore delicato. Ottimo anche cucinato ripieno al forno.
Il ripieno è costituito da una parte del 5/4, il lampredotto, ve lo propongo, in abbinamento a delle olive nere che daranno una nota amarognola, che si sposa benissimo con il peperone, il tutto sarà servito su una pesto di Salicornia.

Ingredienti:

8 Peperoni Tomaticot di Carmagnola
500 g di lampredotto già cotto
La parte interna di un sedano
2 cipollotti di tropea
50 g di olive nere al forno
1 peperoncino jalapeno
qualche fiore di basilico
Sale q.b.
Pepe q.b.
Olio EVO q.b.

Ingrediente per Pesto di Salicornia,

200 g salicornia pulita
50 g di foglie di basilico
2 noci
Olio EVO q.b.

Procedimento:

Pulite i peperoni Tomaticot, togliete il picciolo, eliminate i semi, salate pepate, un filo d’olio e fate cuocere in forno per circa 15 minuti.
Mentre i peperoni cuciono tagliuzzate i cipollotti di tropea, il sedano e il peperoncino e le olive nere denocciolate e tagliuzzate finemente
Tagliate il lampredotto a strisce, mettetene due strisce da parte e tagliuzzate il resto finemente, aggiungetelo alle verdure, condite sale, pepe e olio EVO.
Riempite i peperoni semicotti con il composto, disponetele nella teglia, aggiungete le 2 strisce di lampredotto, un filo d’olio e in forno a 180 gradi per circa 20 minuti, controllate con la cottura con una forchetta.

Preparazione Pesto di Salicornia,

Mettete in un mortaio tutte le foglie, un paio di cucchiai di olio Evo e i gherigli di noce, pestate bene eventualmente aggiungete olio, alla fine assaggiate, non dovrebbe servire sale.

Nei piatti mettete un paio di cucchiai di pesto, sopra poggiate i peperoni e guarnite con qualche fiore di basilico, tagliate dei pezzetti di lampredotto e disponetelo alla base, da una parte inserite il gambo che avrete cotto insieme ai peperoni. servite.

Peperoni Tomaticot di Carmagnola ripieni di foglie di cipolla pecorino e Nduja

Difficoltà: Facile

Preparazione: 45 min

Porzioni: 4 persone

II Peperoni Tomaticot di Carmagnola è rotondo e schiacciato ai poli, giallo o rosso, con la polpa tenera, molto spessa e dal sapore delicato. Ha la pelle sottile che si stacca bene dalla polpa. È adatto ad essere conservato sotto vetro, in vista dell’inverno. Ottimo anche cucinato ripieno al forno.
Sono riuscito a trovare i Peperoni Tomaticot, purtroppo solo rossi, mi sarebbe piaciuto trovare anche quelli gialli, ho deciso di farli ripieni al forno.
Il ripieno non è molto convenzionale, ma l’ho provato ed è molto buono quindi ve lo propongo, si tratta di foglie di cipolle che normalmente si buttano.

Ingredienti:

8 Peperoni Tomaticot
4 cipolle complete di foglie
4 cipolle solo le foglie
100 g di pecorino a media stagionatura
50 g di nduja
50 g olive nere al forno
50 g di acciughe salate sott’olio
1 peperoncino jalapeno
Sale q.b.
Pepe q.b.
Olio EVO q.b.

Procedimento:

Pulite i peperoni Tomaticot, togliete il picciolo, eliminate i semi, salate pepate, un filo d’olio e fate cuocere in forno per circa 15 minuti.
Mentre i peperoni cuciono tagliuzzate le cipolle e le foglie, tagliate 8 bastoncini di pecorino e metteteli da parte, tagliate a pezzettini piccoli il resto e aggiungete alle cipolle.
Denocciolate le olive conservatene 4 tagliuzzate il resto e aggiungete alle cipolle.
Tagliuzzate le acciughe unite agli altri ingredienti, assaggiate e condite sale, poco, pepe e olio evo, schiacciate con le mani per far compattare le foglie di cipolla.
Riempite i peperoni in ognuno inserite un pezzetto di nduja un bastoncino di pecorino e mezza oliva, un filo d’olio e in forno a 180 gradi per circa 20 minuti, controllate con una forchetta.

Flan di peperoni con gamberoni al brandy e salsa alla canapa

Difficoltà: Facile

Preparazione: 60min

Porzioni: 3 persone

Ecco la mia seconda , ed ultima, ricetta pensata e realizzata per partecipare al Contest Nazionale dedicato al PEPERONE DI CARMAGNOLA, in occasione del 70° anniversario della Fiera del Peperone di Carmagnola, fiera che è stata riconosciuta dal Mipaaf come “la più grande manifestazione urbana italiana dedicata ad un prodotto agricolo”

Ho scelto di utilizzare i peperoni per fare un flan (anzi tre… monoporzione) dato che da noi in Piemonte è tradizione e consuetudine portare a tavola flan preparato con gli ortaggi, arricchiti con salse varie, generalmente fondute. Oggi ho alleggerito la tradizione preparando una salsa di accompagnamento più leggera e salutare, leggermente acida per contrastare il gusto dolce del peperone, arricchendo poi il piatto con una parte proteica e golosa aggiungendo un gamberone scottato, sapore che ben si sposa con i peperoni.

Si può servire come piccolo secondo piatto o come sostanzioso antipasto, a voi la scelta.

 

Ingredienti:

per 3 miniflan:

  • 150 g. peperone rosso di Carmagnola (peso netto dagli scarti)
  • 150 g. peperone giallo di Carmagnola (peso netto dagli scarti)
  • 40 g. panna liquida
  • 1 uovo intero
  • 1 tuorlo
  • Sale e pepe q.b.
  • 1 pezzetto cipolla dolce rossa
  • 2 cucchiai parmigiano grattugiato
  • 1 ciuffo basilico fresco
  • 3 gamberoni
  • Olio evo q.b.
  • 1 bicchierino brandy

Per la salsa:

  • la parte esterna di 1 zucchina
  • 40 g. semi di canapa
  • 80 g. fiocchi di latte
  • 1 ciuffo basilico
  • Sale e pepe q.b.
  • Olio evo q.b.

 

Procedimento:

Dopo aver mondato e tagliato a brunoise (cubettini piccoli) i peperoni, farli saltare a fuoco medio in una padella con un filo d’olio e la cipolla tritata, per una decina di minuti scarsi. Trasferirli poi in un bicchiere del frullatore ad immersione.

Nel frattempo preriscaldare il forno a 180°, imburrare ed infarinare 3 stampini usa e getta in alluminio (o utilizzare stampini in silicone).

Nel bicchiere in cui ci sono i peperoni intiepiditi unire: uova,  panna, basilico e parmigiano; iniziare a frullare ed unire, a filo, poco olio evo sempre emulsionando col minipimer.

Trasferire questo composto negli stampini ed adagiarli in una pirofila/tegame pieno a ¾ d’acqua bollente, proseguire la cottura a bagno maria in forno per 25 minuti (fare la prova stecchino, se occorre lasciarli 5 minuti in più o in meno, dipende dal forno).

Nel frattempo dedicarsi alla salsa:

con un coltellino affilato sbucciare la zucchina non sottilmente, usare la parte esterna (la parte interna utilizzarla poi per altre preparazioni), sminuzzare in un piccolo tritatutto (o tritare a coltello) insieme al ciuffo di basilico; travasare il trito in una ciotolina ed unire i semi di canapa, i fiocchi di latte, i semi di canapa, un filo d’olio evo: regolare sale e pepe. Tenere da parte.

Sfornare i mini flan e lasciarli riposare qualche minuto; intanto preparare i gamberoni: eliminare carapace ma conservare la testa, con uno spelucchino o coltellino affilato estrarre il budellino e lavarli sotto acqua corrente. Farli saltare in padella con poco olio evo, pochi istanti per parte, salare e pepare e sfumare con il brandy.

Sistemare sul fondo dei piatti un cucchiaio di salsa, il miniflan sfornato intiepidito e, sopra, il gamberone al brandy.

Gazpacho piemontese

Difficoltà: Facile

Preparazione: 70min

Porzioni: 2 persone

Sono felice di dedicare una mia ricetta alla mia terra, al mio Piemonte usando prodotti d’eccellenza a Km0 per promuovere una fiera alla quale partecipo come visitatrice ogni anno praticamente da sempre essendo vicino casa e per partecipare al Contest Nazionale dedicato al PEPERONE DI CARMAGNOLA, in occasione del 70° anniversario della Fiera del Peperone di Carmagnola, fiera che è stata riconosciuta dal Mipaaf come “la più grande manifestazione urbana italiana dedicata ad un prodotto agricolo”.
Il contest è promosso dal Consorzio di Tutela del Peperone di Carmagnola in collaborazione con il Comune di Carmagnola, con AIFB Associazione Italiana Food Blogger, con Gruppo Editoriale MoreNews e l’Associazione “I Ristoranti della Tavolozza”

 
Fa caldissimo ed ho deciso di proporre un piatto fresco, per non dire freddo, utilizzando i magnifici prodotti del paniere piemontese quasi in purezza per esaltarne maggiormente il sapore, ho scelto così di preparare un gazpacho ma che fosse piemontese! La parte principale va al peperone di Carmagnola crudo abbinandolo al pomodoro cuore di bue piemontese, datterini gialli, un pezzetto di cetriolo bio, basilico ed erba cipollina freschi dei coltivatori diretti. Ho aggiunto un fantastico caprino fresco delle Langhe e ho dato una nota croccante con le nostre nocciole piemontesi.  Il piatto è pronto!

Ingredienti:

200 g. peperone rosso di Carmagnola (peso netto dagli scarti)
150 g. cuore di bue maturo e succoso (peso netto dagli scarti)
1/2 cetriolo bio
1 ciuffo basilico
erba cipollina q.b.
sale e pepe q.b.
1 pezzetto cipolla dolce rossa
80 g. caprino (formaggio) rotolo fresco delle Langhe
6 datterini gialli bio q.b.
olio evo q.b.
granella nocciole piemonte q.b.
fiori edibili per decorare

Procedimento:

Lavare bene tutti gli ortaggi che devono essere sodi e possibilmente biologici,  pulirli da filamenti e scarti vari. Asciugare e tagliare a pezzetti il peperone, inserirlo nel boccale del minipimer, unire il pomodoro con tutto il suo succo dopo averlo accuratamente pelato, aggiungere anche il cetriolo pelato e tagliato a fette, sale e pepe, un ciuffo di basilico e la cipolla; iniziare a frullare col frullatore ad immersione ed emulsionare ancora unendo, a filo, olio evo q.b. per condire. Mettere in frigo a raffreddare bene almeno un’ora.
Servire il gazpacho con pomodorini datterini gialli tagliati a metà, fettine di carpino fresco delle Langhe condito con poco pepe ed erba cipollina, condire ancora con un filino d’olio e decorare con fiori edibili e granella di nocciole. Servire subito

Patate avvolte nel peperone al cartoccio

Difficoltà: Facile

Preparazione: 20min

Porzioni: 4 persone

Ingredienti:

Peperoni (crudi o a filetti arrostiti e spellati)
Patate possibilmente novelle di medio/piccole dimensioni
Filetti di acciughe (o pesto o bottarga macinata)
Cipolla Egiziana tritata
Sale
Olio E.V.O.

Procedimento:

Piatto molto semplice e facile da realizzare. Può sostituire ottimamente il panino mangiato in navigazione e si presta ad essere preventivamente preparato ed infornato al momento della necessità. Le patate devono essere ben lavate (non occorre sbucciarle), vengono poi tagliate a metà per il verso più lungo cercando di lasciare attaccato un lembo di buccia.
Sopra un pezzo quadrato di rotolo di alluminio si dispone un filetto di peperone crudo (ma volendo va bene anche già arrostito e sbucciato) che andrà ad avvolgere la patata farcita di filetto di acciuga e cipolla egiziana, (ma a piacere anche di pesto o bottarga in polvere) aggiungendo nell’interno un filo d’olio E.V.O. Si avvolge il tutto nell’alluminio realizzando delle “palle” ben sigillate che verranno infornate per un’ora. Si consumano aprendolo il cartoccio con un coltello affilato ed usando un cucchiaio per consumare la patata ripiena avvolta nel peperone da cui si potrà eliminare agevolmente la buccia.

 

Peperone di Carmagnola caramellato con bruss di pecora brigasca

Difficoltà: Facile

Preparazione: 45min

Porzioni: 3 persone

Ingredienti:

Due peperoni di Carmagnola, uno rosso ed uno giallo
Tre cucchiai di aceto balsamico
40 grammi di zucchero di canna
un pizzico di sale
bruss di pecora brigasca
olio evo

Procedimento:

Tagliare a listarelle, dopo averli puliti, lasciando la pelle, due peperoni, uno rosso ed uno giallo. Aggiungere 40 grammi di zucchero di canna, due cucchiai di aceto balsamico, un pizzico di sale, un filo d’olio evo. Mettere il tutto in una pentola e, a fuoco dolce, fare caramellare i peperoni cuocendoli una ventina di minuti (devono rimanere croccanti). A cottura ultimata togliere i peperoni dal caramello, ormai abbastanza denso, e farli raffreddare. Mettere il caramello rimasto in un contenitore di vetro. Sistemare i peperoni in un piatto (a raggiera, sovrapposti o come detta la fantasia), aggiungere una noce abbondante di bruss di pecora brigasca e bagnarlo con parte del caramello. Si possono servire sia caldi che a temperatura ambiente. Abbinamento enologico: Vermentino della Riviera Ligure o un Arneis fruttato. Non stona un profumato Asti secco.